La curcuma

Unknown

Oggi per l’argomento sugli alimenti amici della salute, voglio parlare della curcuma, una spezia fantastica dai mille effetti benefici.
E’ un antiossidante per eccellenza, un antinfiammatorio senza effetti collaterali, antitumorale, protettore del sistema cardio-vascolare, ipocolesterolimizzante, antiepatotossico, antimicrobici; viene impiegata per normalizzare la pressione arteriosa, per prevenire dolori articolari e le intossicazioni e, pensate che una dieta con supplemento di curcuma, può ridurre del 75% la formazione di calcoli al fegato e il colesterolo.
Infatti la sua assunzione ha degli effetti benefici su quest’ultimo, poiché, agisce sul colesterolo cattivo diminuendolo del 10-12% e aumentando quello buono anche del 25-30%, il che significa che lavora molto meglio di alcuni farmaci denominati “salva vita” , inoltre contrasta i grassi cattivi nel sangue abbassando i valori dei trigliceridi.

Possibile un prodotto naturale derivante dalle piante può fare tutto questo? Io sono una fan accanita delle spezie, poiché, oltre tutti questi benefici, molte di loro hanno anche la capacità di velocizzare il metabolismo e diminuire naturalmente la fame (quella vorace derivante dall’eccesso di carboidrati).
Con questa spezia viene bene qualsiasi piatto rendendolo fantasioso e sfizioso, ad esempio i famosi bocconcini di pollo o carne o tacchino al curry in cui possiamo aggiungere della curcuma ( anche il curry ne ha una piccola quantità), oppure alcuni tipi di pesce sempre a bocconcini, o il famoso cous cous condito in mille modi con l’aggiunta di curcuma, insomma non da mai fastidio e, personalmente,  lo metto ovunque anche nei legumi semplicemente bolliti e usati nelle insalate da portarmi al lavoro quando vado di corsa.
Perché ricorrere a medicinali invece di utilizzare i prodotti che ci offrono la terra o le nostre piante? La curcuma si trova anche sotto forma di curcumina in pastiglie ed è consigliabile visto che quella alimentare in polvere, andrebbe assunta in quantità esagerate per arrivare al nostro fabbisogno ma, meglio sempre avere la buona abitudine di farci del bene già attraverso le nostre tavole imbandite di benessere.